Dal Salento alla Giamaica: Antonio Tarantino racconta la sua musica

Chi è Antonio Tarantino?

Nato e Cresciuto nel Salento, scopre l’amore per la musica molto prima di capire l’amore, durante il suo percorso artistico, dopo numerose esperienze musicali amatoriali, ma non più in tenera età, studia e si diploma al conservatorio Tito Schipa di Lecce in pianoforte.

Prima parallelamente e dopo lo studio classico coltiva con molto interesse lo studio del Jazz, passione che lo porterà ad inscriversi al conservatorio superiore Prince Claus di Groningen Olanda.

Dopo il ritorno in Italia nasce l’opportunità di andare in Jamaica, e non si è fatto pregare.

Come è nata l’idea del progetto Mad Boxes?

Andando in tour per il mondo con Alborosie, raggae star di fama internazionale, ho imparatotarantino2quanto la musica sia in continuo movimento ed evoluzione.

Ho iniziato quindi a mettere in piedi un progetto musicale diverso.

Con due grandi amici musicisti, uno batterista e l’altro bassista, dopo due anni di grooves in cantina abbiamo pensato di  aggiungere Dj e Breackdance.

Formula esplosiva…

Che genere fate?

Tutto quello che continuo e continuiamo ad apprendere nel nostro percorso musicale.

Il gruppo l’hai fondato tu?

Sì,  la band parte in trio, poi sono entrati Dj e Breackers, e da un po’ abbiamo aggiunto sax e trombone.

Fate cover o brani inediti?

 sono tutti brani inediti, composti da me e arrangiati in sala insieme.

Stando sempre in tour come fai a badare al gruppo?

Quando sono in tour la band si muove in formazione ridotta, è bello come un’idea individuale possa diventare un progetto collettivo.

Mad Boxes è una piccola realtà che appartiene a chi si da’ da fare per fare. Desidero che questo sia un grande laboratorio artistico. Oltre alla band infatti ci sono tanti ragazzi che si occupano di writing, skating, danza… ognuno mette il suo.

Chi sono i musicisti che hai cercato per il progetto Mad Boxes, sono tutti professionisti?

I musicisti sono: Diego Martino Drums, Danilo Capone Bass, Mirko dell’Anna DJ, Leonardo Marco Mello breakers, Mauro Esposito Sax, Cristian Bevilacqua trombone.

Sono giovanissimi ma già molto bravi, c’è un continuo scambio e studio collettivo.

Da quanti anni suoni nella band di Alborosie e come sei arrivato a suonare per lui?

Suono nello Shengen Clan Band di Alborosie dal 2009. Ho fatto quasi seicento concerti con Alborosie ed è sempre come se fosse la prima volta, una fortissima emozione. Ho avuto questa opportunità grazie ad un mio grande amico Sandro P, organizzatore del Gusto Dopa Al Sole e amico di Alborosie che in quel periodo cercava un trombettista, io non mi sono fatto pregare, dal primo provino ad oggi mi sono alternato in studio e nei live fra tromba pianoforte tastiere synths e  clavinet .

Emozione ed impatto sonoro indimenticabili.

 

Un pensiero riguardo “Dal Salento alla Giamaica: Antonio Tarantino racconta la sua musica

  • Febbraio 13, 2017 in 10:27 am
    Permalink

    …ho vissuto in parte il percorso di mio fratello..l’ho visto immerso nella sua musica e osservare l’espressione del suo viso ogni qualvolta vedessi le sue ribelli mani mani sul pianoforte….avevo i brividi …percepivo il profumo della musica chiudendo gli occhi …emozione bella forte e pura emozione .. è questo che provo ..tua sorella emanuela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *