INTERVISTA A MURUBUTU: CON “RAPconti” I SUOI BRANI DIVENTANO FUMETTI

Ciao Murubutu, il libro “RAPconti” uscirà il 6 febbraio per BeccoGiallo illustrato da Ernesto Anderle. Com’è nata l’idea? Com’è stato concepito?

Ernesto si è presentato a me come fan proponendomi di illustrare i miei brani. Io sono rimasto molto colpito dalle sue tavole. La sua sensibilità e la sua capacità di cogliere con i dettagli le mie intenzioni narrative mi hanno stupito. Ho notato subito un’affinità artistica tra noi due, per cui ho voluto coinvolgerlo nella illustrazione dal vivo su megaschermo in alcune delle mie date live più importanti. Il libro rappresenta una sintesi di questo percorso.

Dove sarà possibile acquistarlo?

È già preordinabile sui maggiori negozi on line di libri, sul sito di BeccoGiallo editore ed ovviamente ai live. Il libro si può anche acquistare con il bonus docenti.

Come ti sei avvicinato all’hip hop?

Mi sono avvicinato al rap negli anni ’90. In quel periodo il mio rap era influenzato dalle Posse ed era fortemente politicizzato. Poi ho evoluto il mio interesse verso l’hip hop in senso più ampio fino ad arrivare al 2009 alla pubblicazione del mio primo album solista completamente dedicato allo storytelling. Da lì sono seguiti i vari capitoli della mia produzione concept.

Sei conosciuto anche come il rapper che unisce l’hip hop con la letteratura, la storia e la filosofia. Sono importanti i testi nella musica?

Sono fondamentali, è la mia caratteristica principale. La mia particolarità è dare una curvatura cantautorale al rap.

Cosa pensi di questo massiccio ascolto della trap da parte dei giovanissimi che spesso è priva di contenuti educativi?

È un genere che si è diffuso tantissimo e spesso ha contenuti discutibili. Il problema non è tanto questo, la storia della musica è piena di contenuti diseducativi, il problema è che è fruita da una fascia d’utenza composta da giovanissimi.

Tu cosa faresti per sensibilizzare questi piccoli fruitori?

Io nel mio piccolo faccio già quello che posso, nel senso che propongo un tipo di musica che prova a veicolare contenuti di ordine culturale su cui riflettere. Il mio contributo è realizzare un tipo di rap con una funzione educativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *