ARTISTA ALLO SPECCHIO: DARKO MAMMANA

Ciao Darko Mammana presentati ai lettori di Music in Black

Faccio musica Hip Hop da più di dieci anni con base a Palermo, ho avuto il piacere di collaborare con moltissimi artisti della scena italiana. Negli ultimi due anni ho prodotto più di quanto abbia fatto nei precedenti 5, mai stato così in forma.
Il mio progetto è a lunghissima scadenza, la mia musica mi sopravviverà, è la possibilità che abbiamo per lasciare traccia del nostro passaggio sul pianeta, quindi voglio farne tanta e di ottima qualità.

Com’è nata la tua passione per la musica rap?

Fin da bambino ero attratto dall’immaginario americano e le colonne sonore dei film che guardavo contenevano sempre dei pezzi Rap. Poi ho scoperto quello italiano, Sottotono e Articolo 31 come tutti, ed in seguito che a Palermo c’erano Stokka e MadBuddy, da lì a poco iniziai a farlo, adesso non riuscirei ad immaginare la mia vita senza.

Descriviti con 3 aggettivi

Fango, punchliner, umile (non modesto).

Il tuo miglior pregio?

La curiosità, che alimenta sempre la mia voglia di imparare, fare cose nuove, cambiare, mettermi alla prova e cercare di migliorarmi costantemente. Nella musica come in tutte le altre cose che faccio.

Il tuo miglior difetto?

Che dico sempre la verità, anche quando dico le bugie. Cit.

I tuoi sogni nel cassetto?

Essere libero e felice, nulla che si possa comprare o quantificare.

Il film più bello che hai visto?

Difficilissimo, faccio una top 3 random:
Il Buono, Il Brutto e Il Cattivo
American Beauty
Pulp Fiction

La citazione preferita?

Tratta da un film, ho già risposto prima per caso, in generale:
“Un uomo che osa sprecare un’ora del suo tempo non ha scoperto il valore della vita.”
(Charles Darwin)

Un album più bello che hai ascoltato?

Ancora più difficile, top 3 random:
Distant Relatives – Nas & Damian Marley
All Eyez On Me – Tupac
In Teoria… – Sottotono

Se tu potessi trascorrere un giorno con un artista vivo o morto chi sceglieresti?

Primo Brown senza alcun dubbio, ha stravolto il mio modo di fare e vivere la musica, ho studiato il suo modo incredibile di performare live, la sua poetica. Ha messo così tanto di sé stesso nella sua musica, che quando è venuto a mancare mi è quasi sembrato di perdere un amico di lunga data. Leggenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *